Fabio Vander: L’autunno della sinistra

Fabio Vander: L’autunno della sinistra

20 Agosto 20194min
20 Agosto 20194min

 

 

 

Fabio Vander

 

 

 

9 Agosto 2019

 

 

 

 

 

Sul Manifesto del 7 agosto Pietro Folena e Simone Oggionni ragionando dell’Europa, pongono infine il problema di una “nuova sinistra” italiana.

Ritengono infatti necessario un “punto di vista autonomo della sinistra”, che rivaluti “le ragioni dell’eguaglianza e del lavoro” e sostenga un nuovo “grande disegno” europeo. Fin qui d’accordo. Condivisibile anche il ripudio di un PD “in balia di nodi irrisolti che si trascinano sin dalla sua fondazione”, come delle piccole formazioni della sinistra radicale “ciascuna figlia di un diverso fallimento”. Quindi né con il PD, né con Articolo 1 e Sinistra italiana.

Va ricordato però che il 25 giugno, sempre sul Manifesto, Oggionni con Stefano Quaranta aveva firmato un altro articolo in cui scriveva che un “passo coraggioso e radicale”, per rilanciare la sinistra e l’alternativa, “lo chiediamo a Zingaretti”. Dunque nel giro di poco tempo la fiducia nel “nuovo PD” pare svanita.

Ma è davvero così? Perché in verità il nuovo articolo si conclude intanto con un ingenuo appello alla “generosità” delle classi dirigenti” di PD e sinistra, perché smettano di intralciare il nostro futuro. Se davvero ne fossero capaci non saremmo al punto in cui siamo.

D’altra parte l’appello finale è per un “campo democratico e progressista nuovo, intelligente, credibile”. Gira gira si torna alla casella di partenza: un PD ‘rinnovato’ e una sinistra radicale che faccia da cespuglio. Esattamente la formula che dall’Ulivo a Italia Bene Comune, a mille fallimentari esperienze locali ci ha portato nelle mani di Salvini e Di Maio.

Spero che l’autunno della sinistra veda in campo due ipotesi alternative: un nuovo centro-sinistra versus un nuovo partito della sinistra italiana.


Newsletter


Registrati per restare informato sulle attività di èViva





Aiutaci a migliorare il sito.  Contatta l’amministratore per sagnalare eventuali malfunzionamenti o per suggerire consigli e miglioramenti.